Una trainer che tiene d’occhio anche la danza

Ballerini incappati in infortuni muscolari ma anche donne in gravidanza e bambini diversamente abili: ecco a chi si rivolgono lo yoga e il pilates.

Un lavoro meticoloso che conduce direttamente in ognuno di noi.

Talvolta la danza non è sufficiente ad essere un cigno nel lago, diceva Rudolf Nureyev. Quasi a prevedere come Tersicore avesse in futuro avuto bisogno di una ed anche più mani per risollevarsi dal lago prima di spiccare il volo verso nuovi lidi. Tanto per citare uno dei più significativi personaggi del mondo della danza, torniamo a ritroso in un viaggio alla scoperta dei segreti non più tanto nascosti di uno stuolo di danzatori professionisti per riscoprire se stessi e valorizzare ancor più il proprio talento.

In questo viaggio ci prende per mano Erika La Barbera, trainer di hatha yoga e Pilates, esperta soprattutto a rimetter su ballerine e ballerini incappati in infortuni muscolari e/o della mente. Eh sì, perché stavolta Tersicore ha saputo sposare appieno la buona condotta alimentare, psicologica e posturale oltre che meramente tecnica ed artistica. Proprio come ogni giorno suggerisce di fare tra i boschi, in riva al mare o all’ombra di monumenti abbandonati Erika La Barbera, giovane trainer napoletana impegnata a sostenere i ballerini professionisti ed amatoriali nei loro rispettivi viaggi.

Lavorando a tu per tu con i danzatori, – ci spiega la trainer, – ho anteposto il nostro lavoro alla rieducazione posturale, impostando tutte le sedute alla ripresa ed alla prevenzione da infortuni. Spesso la stessa postura è errata, pregiudicando la performance che, a sua volta, ha una pessima ricaduta sull’umore e sull’autostima del ballerino. Un cane che si morde la coda, che noi dobbiamo fortificare e rivitalizzare giorno dopo giorno, con i muscoli e con la mente; con la respirazione e con le motivazioni.

Ed in questo percorso entrano di diritto giovani e meno giovani, amatori e stelle del balletto italiano; uomini e donne sane o bambini diversamente abili; donne in stato di gravidanza o in crisi post-partum; atleti in massima forma o pazienti chemioterapici: l’intero universo umano dai tre agli ottantatre anni è un potenziale soggetto buono per tutte le stagioni di Erika La Barbera.

In verità mi piace molto di più l’estate, – ammette con un sorriso radioso quando il tempo faceva ancora le bizze, – per cui tutti gli eventi che si sono succeduti fino a questi primi giorni di luglio si sono calati perfettamente nella parte dello hatha yoga e Pilates all’aperto, a tu per tu con la natura, con il cinguettio degli uccellini, con le onde del mare o solo con le foglie accarezzate dal vento. Qui voglio che ogni volta le persone riscoprano se stesse ed il compagno di viaggio. O che imparino a respirare meglio o ad assumere la posizione più congeniale al loro stato. Un lavoro meticoloso che conduce direttamente in ognuno di noi.

Del resto Erika La Barbera ha mostrato sin da subito un talento oggettivo, con la collaborazione presso testate giornalistiche e redazioni televisive; teatri e fondazioni oltre a Legambiente con cui si valorizzano territori spesso inesplorati. Un modo come un altro per porsi di fronte all’altro e sostenerlo, a prescindere se il sito sia pubblico e sia tra le quattro mura del centro olistico “Keira’s” di Bagnoli, proprio sul litorale napoletano di fronte all’Arenile, altra location privilegiata delle passeggiate naturalistiche promosse dalla trainer.

La natura ci dà un conforto inestimabile, – aggiunge Erika La Barbera, – e con i miei collaboratori cerchiamo ogni angolo d’Italia per promuoverlo. Proprio come in questo mese di luglio alla Mostra d’Oltremare di Napoli, peraltro anche nel bel mezzo delle Universiadi 2019 che si tengono in città, il 10, il 24 ed il 31 luglio alle ore 18, con l’ennesimo squarcio di hatha yoga e Pilates offerto alla cittadinanza, esattamente come successo pochi giorni fa nella foresta di Cuma e nel cuore dei Campi Flegrei.

Un’emancipazione olistica promossa a tutti i costi da Erika La Barbera, impegnata tra l’altro a sostenere gli appassionati con integratori preparati ad hoc, con sistemi naturalissimi come la stessa trainer chiude:

È così che insieme a mio fratello abbiamo deciso di lanciarci in un inedito progetto: creare con l’aiuto di un chimico una linea di integratori dedicati a chi pratica sport o anche danza. I prodotti seguono naturalmente la nostra filosofia di pensiero con prodotti italiani, sostanze non nocive alla salute e prossimamente anche imballaggi ecosostenibili e costi accessibili. In questo anno, oltre a dare la possibilità a molti giovani di collaborare con noi, abbiamo avuto un riscontro positivissimo dalle persone che li hanno utilizzati e da tutti gli specialisti (nutrizionisti, fisiatri, personal trainer, psicoterapeuti, counselor, insegnanti di danza, eccetera) che li hanno proposti ai loro utenti. La nostra linea include quattro prodotti: detossinante, termogenico, rilassante e riparatore del sistema venoso. A breve uscirà la nostra seconda linea con prodotti che aiutano l’apporto vitaminico (vitamina b, d, e) e omega tre.

×

Ciao!

Fai clic sul mio nome per chattare su WhatsApp o inviami un'email a erika9832610@libero.it

× Come posso aiutarti?